Pitture naturali (Bioedilizia)

Un consiglio: se avete intenzione di ritinteggiare il vostro appartamento con pitture naturali certificate dalla bioedilizia, affidatevi sempre a un artigiano aggiornato in questo campo perché tali materiali, per ottenere un risultato ottimale sia estetico che di durata, hanno bisogno di maggiore esperienza e accortezza tecnica in confronto alle pitture industriali.
In poche parole, affidatevi a chi già le usa.

Bioedilizia – in senso generale – significa molte cose, come progettazione architettonica, risparmio energetico e abolizione di sostanze tossiche nocive.
La parte che mi riguarda, naturalmente, è quella delle sostanze  tossiche contenute in tutte le pitture industriali, anche quelle a base di acqua. In linea di massima pitture minerali “a calce e ai silicati” sono molto più salubri e sono ottime per finiture decorative.
Infatti utilizzo stucchi a calce per gli spatolati o marmorini e pitture ai silicati per le velature.

Poi abbiamo quelle a base di resina vegetale, molto più simili alle tradizionali lavabili; riguardo queste ultime, sono stato uno dei primi a Roma a farne uso, per scelta personale.

Anche se, come ho detto in precedenza, in fase di applicazione hanno bisogno di maggior accortezza  tecnica, io le consiglio sempre, specialmente nella zona notte.